Connect
MEIGS FIELD, L'AEROPORTO DOVE SONO NATI VIRTUALMENTE I PILOTI DEGLI ANNI '70

Nella notte del 31 marzo 2003, su ordine del sindaco di Chicago Richard Daley, una squadra di operai alla guida di scavatrici devasta con delle enormi buche a forma di X la pista dell'aeroporto di Meigs Field, uno dei più caratteristici al mondo.

AOPA si muove, immediatamente, per cercare di contrastare l'insensata politica dell'amministratore della città, ma pur avendo dalla sua parte tutti gli appassionati di aviazione e piloti della nazione e un gran numero di piloti, nati negli anni '60 e '70 e cresciuti virtualmente, grazie a Flight Simulator su quel campo di aviazione, il risultato è la più totale sconfitta e la trasformazione dell'isola a est di Chicago in un deserto di rovi.

I tentativi di AOPA sono stati innumerevoli. Oltre a interessare la Federal Aviation Administration, ha portato avanti azioni di lobby tra i membri del congresso, fino al tentativo di acquisire l'intera area per circa 40 milioni di dollari. Non si è capito bene perché il sindaco Daley fosse così contrario all'aeroporto, si pensa che volesse farne un area con un Casinò oppure più semplicemente sua moglie fosse molto infastidita dal rumore degli aerei in atterraggio e in decollo. Non è mai stato chiarito.

Quello che è certo che la città di Chicago ha perso una struttura fondamentale per il business di tutti i giorni e una base di elisoccorso in caso di incidenti o calamità naturali.
Questo è quello che avviene quando persone incompetenti amministrano il bene pubblico, una perdita e una rovina difficili da rimediare e ricostruire.

#aviazione #meigsfield #aeroporti #aerogazette #chicago
LA PESSIMA FAMA DELL'AEROPORTO DI BRESSO

Primavera del 1947, un giovane studente dell'università Bocconi si reca con la sua Lambretta presso l'aeroporto di Bresso. Ha, come tanti altri giovani della sua età, voglia di volare, si iscrive all'AVM, paga per seguire un corso di volo a vela e passa tutta la primavera e l'estate a spingere e lavare alianti, di volare non se ne parla.
Primavera del 1948, lo stesso giovane studente raggiunge sempre con la sua fida Lambretta, l'aeroporto di Vergiate, dove ha sede il gruppo volo dei dipendenti della Siai Marchetti, e chiede "Si può volare?". La risposta è affermativa e lo stesso giorno inizia i primi voli a doppio comando con l'istruttore Sergio Baldisseri.
Il suo nome era Attilio Pronzati, divenne pluricampione italiano di volo a vela e non mise mai più piede in vita sua a Bresso.

Primavera di metà anni '50, Umberto Mantica inizia a volare a Bresso e consegue il brevetto di pilota di aliante. Pochi mesi dopo l'esame acquista un aliante, ma quando prova a volarci gli viene impedito.
L'ha pagato con un assegno, incarica un avvocato di far valere i suoi diritti e vince. L'aliante è suo e ci può volare. 1961 nasce, per volontà dei coniugi Orsi, l'aeroporto di Calcinate dedicato esclusivamente al volo a vela, Umberto Mantica passa dall'AVM all'allora AVAL e non metterà mai più piede a Bresso.

Primavera del 1993, un giovane studente di ingegneria aeronautica, segue il corso di pilotaggio presso l'Aeroclub Milano, manca poco all'esame per la licenza di pilota, quando il consiglio direttivo, che evidentemente aveva male amministrato il club, presieduto dall'Avv. Andrea Corte, decide di richiedere a tutti i soci, giovani e allievi inclusi, un versamento "una tantum" nelle casse dell'associazione per poter continuare a volare e terminare i corsi.
Il giovane universitario decide di pagare, passa l'esame, consegue la licenza, ma successivamente cambia aeroclub. Ora è uno degli ingegneri del progetto AW609 e non è mai più tornato a Bresso.

Fine 2012, la battaglia per il controllo dell'Aeroclub Milano, che fino ad allora si era combattuta a porte chiuse, esplode e diventa di dominio pubblico. I soci del club vedono in Andrea Tremolada la persona con le capacità adeguate alla ripartenza di un sodalizio stremato da anni di lotte interne. Due dei più famosi giornalisti italiani, Francesco Giaculli e Sergio Barlocchetti, soci dell'aeroclub, plaudono alla scelta e apprezzano, sulle pagine della rivista Volare, le scelte fatte dal nuovo presidente.
Andrea Tremolada si è dimesso da presidente in seguito a lettere anonime scritte ai vertici della precedente società per cui lavorava. Giaculli e Barlocchetti non hanno più messo piede a Bresso.

Episodi simili a quelli che ho raccontato probabilmente sono infiniti e innumerevoli i casi di piloti che hanno volato a Bresso e, in seguito, ne hanno parlato male, ancora maggiori quelli che mai ci hanno messo piede e si divertono nella pubblica e gratuita invettiva.
Io sono convinto che l'aeroporto e l'Aeroclub Milano siano un bene comune da salvaguardare, certo tante cose possono essere migliorate, come va migliorata la comunicazione, ma una scuola di volo, un'officina aeronautica e un gruppo di appassionati che, insieme, formano una flotta aerea su cui volare e permettono a chiunque di associarsi, rappresentano un modello da seguire e un modello che ogni pilota dovrebbe difendere.

#aviazione #aeroporto #bresso #aeroclub #milano
CAMPIONATO ITALIANO VOLO A VELA
1° posto per Stefano Ghiorzo su Silent 2 Jet nella Classe Club 2015 svoltasi di recente ad Alzate Brianza. Peccato per i due soli giorni di gara.
http://www.alisport.com
http://www.avl.it
#voloavela #classeclub #alisport #silent #avl
TECNAM ‘P JET’ AIRCRAFT EVALUATION PROGRAMME
Tecnam today announced that it is actively evaluating the potential of developing and producing a two-seater, single turbofan engine powered aircraft.
As always Tecnam’s innovative developments are driven by customer demand. Extensive interest has been shown for the introduction of a two seat (side by side), turbofan engine powered aircraft, to be used by military Flight Training Organisations, but also to offer a significantly faster and more efficient aircraft for both the private and business aviation sectors.
The ‘P JET’ will undoubtedly be a game-changer not only in the world of General Aviation but also as a first level entry military training jet powered aircraft. Tecnam’s initial research suggests that manufacturing this visionary aircraft is both technically and economically achievable. The remarkable progress in the development and reliability of thermic and mechanical efficiency now available in high bypass, two-spool turbofan engines, along with major advances in materials ensures that production of the ‘P JET’ is a feasible proposition.
The anticipated ‘P JET’ aircraft configuration would see the engine ‘podded’ thus ensuring the maximum efficiency to achieve the full ram-air intake effect, as this would not interfere with the primary aircraft structure and would also enable easier access for maintenance inspections, complete engine disassembling and other servicing requirements as well as enhanced safety protection such as fire.
Other key design features will include a twin-tail vertical stabilizer: its shielding effect to the horizontal surface will increase (being equal the exposed surface) the control power and stability.
Tecnam anticipates that the ‘P JET’ cabin will be available both pressurized and non-pressurized, for use with an airframe integrated oxygen system.
Development will be based on achieving CS-23 and FAR 23 certification.
More info http://www.tecnam.com
#aerogazette #pjet #tecnam #jet
PRIMO VOLO PER IL JET PILATUS PC24
Volo inaugurale di 55 minuti, oggi all'aeroporto di Buochs per il Pilatus PC24, il nuovo jet progettato e costruito dalla svizzera Pilatus Aircraft.
Maggiori info su http://www.pilatus-aircraft.com/
#aerogazette #pilatus #jet #aircraft
SOUNDBOARD IN VENDITA SU FLIPPA.COM
Soundboard, sito web e applicazione mobile per la condivisione di suoni e musica, è in vendita su Flippa.com e attualmente ha raggiunto un prezzo superiore ai 50.000 dollari (la riserva non è stata ancora raggiunta).
Il sito vanta 1 milione di visitatori e 2/3 milioni di pagine viste al mese (dati verificati da Google Analytics) e un Alexa Rank pari 33.082
Per seguire l'asta:
https://flippa.com/4406907-pr-3-site-with-1-048-160-uniques-mo-making-5-000-mo
#domini #web
Rocco Caruso: Flippa riporta anche il fatturato mensile, 5.000 dollari con un utile di circa 3.000 al mese
Rocco Caruso: Aggiornamento della offerta: 85.000 dollari
La Nissan, multinazionale giapponese costruttrice di automobili, ha portato in giudizio Uzi Nissan, registrant del dominio nissan.com dal maggio del 1994 e titolare della ditta Nissan Computer Corp. con sede nel North Carolina. Nonostante la registrazione del marchio Nissan il tribunale americano ha dato ragione a Uzi Nissan confermando la legittimità della registrazione.
http://www.nissan.com
#domini #register
Primo volo test per il New Shepard, il razzo spaziale prodotto da Blue Origin, start up del ceo Amazon Jeff Bezos. Altre info su https://www.blueorigin.com/
#space #blueorigin #spacegazette